giovedì 24 luglio 2014

Recensione *La mia amica ebrea* di Rebecca Domino

Buon pomeriggio!
Scusatemi tanto per questi giorni d'assenza.
Oggi volevo parlarvi di un libro scritto da un'autrice italiana che mi ha decisamente colpito soprattutto per come viene affrontato il tema dell'olocausto. Un libro che piano piano è riuscito a farmi davvero affezionare ai suoi personaggi.
Sto parlando di La mia amica ebrea.


La mia amica ebrea di Rebecca Domino
Trama:

Amburgo 1943. La vita di Josepha, quindici anni, trascorre fra le uscite con le amiche, le lezioni e i sogni, nonostante la Seconda Guerra Mondiale. Le cose cambiano quando suo padre decide di nascondere in soffitta una famiglia di ebrei. Fra loro c'è Rina, quindici anni, grandi e profondi occhi scuri. Nella Germania nazista, giorno dopo giorno sboccia una delicata amicizia fra una ragazzina ariana, che è cresciuta con la propaganda di Hitler, e una ragazzina ebrea, che si sta nascondendo a quello che sembra essere il destino di tutta la sua gente. Ma quando Josepha dovrà rinunciare improvvisamente alla sua casa e dovrà lottare per continuare a sperare e per cercare di proteggere Rina, l'unione fra le due ragazzine, in un Amburgo martoriata dalle bombe e dalla paura, continuerà a riempire i loro cuori di speranza. Un romanzo che accende i riflettori su uno dei lati meno conosciuti dell'Olocausto, la voce degli eroi silenziosi: uomini, donne e giovani che hanno aiutato gli ebrei in uno dei periodi più bui della Storia.


<<Tutto, tutto è diventato uni o: domani a quest'ora potrei essere morta, questa è l'unica certezza in quella che chiamo la guerra delle incertezze>>

Josepha non è ebrea. Eppure tutti i giorni rischia comunque la vita: suo padre ha permesso ad una famiglia di ebrei di vivere nella loro soffitta.
Da quando è iniziata la seconda guerra mondiale si vive alla giornata, tutto è diventato unico. Josepha ha 15 anni e quasi non ricorda più com'era la vita prima della guerra.
Ogni notte aspetta di sentire il rumore delle bombe che cadono sopra la sua città.
Come si fa a dormire sapendo che da un momento all'altro una bomba potrebbe cadere sopra casa tua? Ma ormai dopo tanto tempo quasi ci si fa l'abitudine.
Josepha cerca comunque di andare avanti e vivere la sua vita. Passa le giornate insieme alle sue tre migliori amiche.
Loro parlano di tutto insieme, e molto spesso si sono ritrovate a pensare che forse domani potrebbero non essere più in vita.
A volte invece parlano degli ebrei. Una volta si spingono addirittura vicino a un campo di concentramento a vedere cosa succede lì dentro. Credono che sia giusto che stiano lì gli ebrei, del resto lo dicono tutti.
Ma tutto cambia quando la moglie e i figli -Rina e Uriel- di un vecchio amico del padre di Josepha bussano alla loro porta. E fin qui nulla di strano se non fosse per il fatto di essere ebrei. Seffi ha paura, suo fratello Ralph prova disgusto e li vuole cacciare fuori, mentre il padre permette loro di rifugiarsi nella loro soffitta, senza farlo sapere a Ralph.
Seffi ha sempre saputo che gli ebrei sono come funghi velenosi. Ma ad un certo punto inizia a chiedersi il perchè. Cosa hanno fatto di male per meritarsi tutto questo? Suo padre l'aiuterà a capire che in realtà sono esattamente uguali a noi.
Tra Rina e Seffi inizia una corrispondenza di lettere. E il loro rapporto cresce, piano piano. Iniziano a raccontarsi tutto come delle vere amiche. E senza neanche accorgersene Seffi non ha più paura degli ebrei perchè loro sono esattamente come lei.
<<Tu e Rina non siete un’ariana e un’ebrea, quelle etichette non hanno alcuna importanza. 
Siete due ragazzine, due persone: due amiche.>>
La paura delle bombe, la paura della Gestapo, la guerra in corso e tutti gli altri infiniti ostacoli non riusciranno a impedire a Seffi e Rina di diventare migliori amiche.
<<Vai là fuori, Seffi, e vivi. Vivi anche per me. La tua amica, Rina>>
Seffie non lascerà mai da sola Rina. Fino alla fine le sarà accanto. La mia amica ebrea tiene con il fiato sospeso e fa sperare fino all'ultimo. È uno di quei libri che va letto. Va letto per ricordare.
4 stelline su 5! Leggetelo e non vi pentirete di nulla.
Vi lascio con questa canzone degli Audioslave, penso sia perfetta.

Be yourself degli Audioslave <3

<<PS: Hai avuto una bella idea a riutilizzare la mia busta. Facciamolo fino a quando non cadrà a pezzi.>>

16 commenti:

  1. Wow *--* avevo segnalato sul mio blog il libro, a suo tempo ; D da come parli sembra proprio che l'autrice sappia scrivere ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì e anche molto bene! :)
      Questo libro mi ha davvero sorpresa e penso che non riuscirò a dimenticarlo molto facilmente **

      Elimina
  2. Wow! Mi piacciono molto i libri sull'olocausto e questo sembra un libro da non farsi scappare, lo metto subito in wishlist!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! :)
      Merita davvero questo libro, se lo leggerai fammi sapere ;)

      Elimina
  3. Dev'essere un libro davvero molto intenso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì soprattutto alla fine! Pieno di emozioni **

      Elimina
  4. Mi si sono inumiditi un pò gli occhi solo a leggere la trama e la tua recensione.. Ho idea che il libro di per sè potrebbe risultare abbastanza devastante! XD ma, dal momento che si legge sempre anche e soprattutto con la speranza di emozionarsi, direi che lo metterò in lista! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si decisamente devastante ç____ç
      Però pur sempre molto bello, vedrai che se lo leggerai di emozioni ce ne sono fin troppe! *-*

      Elimina
  5. Lo avevo segnalato mesi fa nel mio blog, però non avevo accettato di recensirlo perché non è esattamente il genere che mi piace..mi mette troppa tristezza t___t magari quando me la sentirò, gli darò una possibilità :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero è molto triste, però magari facci un pensiero! Sono sicura che non te ne pentirai! :)

      Elimina
  6. Dev'essere davvero bello *-*Lo aggiungo immediatamente alla mia wishlist ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima Tohru! :)
      Poi se lo leggi aspetto di sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  7. Ciao
    mi attira molto questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Si è proprio bello, se ti capita non fartelo scappare! :)

      Elimina

Adoro i commenti, mi fanno sentire ascoltata ♥
Vi ringrazio davvero, ricambierò la visita nei vostri blog presto...
Peace and Love