giovedì 8 gennaio 2015

Non ci avrete mai. Perché siamo tutti Charlie, ormai.

Dopo tanto tempo ricomincio a scrivere.
Ricomincio a scrivere perché mi accorgo che sono stata una stupida a mollare in questo modo...
Ricomincio a scrivere perché sono scioccata.
E lasciatemi dire che oltre ad essere scioccata sono veramente incazzata.
Perché non è possibile entrare una mattina qualunque nella redazione di un giornale e iniziare a sparare a sangue freddo contro chi sta solo esprimendo il proprio pensiero. Contro chi non ha avuto mai paura di raccontare la verità. Nonostante tutte le minacce subite.
La satira è l'unico modo per dimostrare di non avere paura di esprimere ciò che si pensa e di cercare di farlo capire anche agli altri.
Ma non è stato solo un atto terroristico al settimanale satirico francese Charlie Hebdo.
È stato un attacco alla libertà di tutti.


Avrei voglia di prendere in mano un fucile e sparare in faccia ai due terroristi che hanno provocato la strage. Avrei tanta voglia di sparargli a sangue freddo e senza nemmeno pensarci due volte, come del resto hanno fatto loro. Ma so benissimo che l'unica cosa da non fare è rispondere alla violenza con altra violenza.
Non si spegne il fuoco con altro fuoco.
<<Vendicheremo il Profeta>> hanno gridato prima di incominciare a sparare.
Ma quale Dio vorrebbe una cosa del genere?
Quale?

Forse alzando il fuoco su quei giornalisti e quegli artisti credevano di metterli a tacere per sempre. Ma se credono davvero di aver ucciso anche il loro pensiero si sbagliano.
Perché adesso la loro parola è diventata la nostra parola.
Tutta la Francia è insorta.
Tutto il mondo sta gridando: <<Je suis Charlie>>

Io penso che questa tragedia ci abbia messo alla prova.
Ci ha fatto reagire.
E forse ci ha anche ricordato quanto sia importante la libertà.
E ci ha ricordato di non darla mai per scontato.
Ma soprattutto ha ricordato a me personalmente una cosa che mie ero forse dimenticata. Mi ha ricordato quello che voglio fare nella mia vita: scrivere.
Esprimere il mio pensiero e soprattutto raccontare la verità.
Perché per quanto molto spesso non sia affatto piacevole da sentire qualcuno la dovrà pur gridare al mondo.


13 commenti:

  1. Bisogna costruire un mondo veramente libero e senza guerre.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La strada sarà ancora lunga, ma speriamo che qualcosa cambierà prima o poi...
      A presto

      Elimina
  2. Ben ritornata Jaqueline.
    :)
    Sono pienamente d'accorda in quello che hai scritto!
    Tutto bene? Hai passato bene le feste?

    Baci, Flavia -

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flavia :3
      Io tutto bene dai, e tu invece? Come stai?

      Ti mando un bacio

      Elimina
  3. Je suis Charlie, Jaq. Nessuno ci potrà mai togliere il fatto che i nostri pensieri siano liberi, nessuno potrà mai obbligarci a smettere di scrivere e di dire la nostra opinione. Nessuno potrà mai controllare la nostra mente. Scrivere, dire, pensare è semplice, è importante ed è efficace perché è l'unica "arma" che fa davvero paura a chi una mente libera non ce l'ha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, Anto.
      Hai scritto un pensiero bellissimo ma soprattutto vero: le vere armi non sono quelle da fuoco ma al contrario sono la parola, la scrittura, ma soprattutto la libertà. E quest'ultima nessuno dovrà nemmeno provarci a togliercela.

      Elimina
  4. Je suis Charlie. Now and always.

    RispondiElimina
  5. Io sono rimasta talmente scioccata dal tutto, che non ho nemmeno la forza di esprimere ciò che provo, se non con il silenzio
    E il silenzio è la cosa più sbagliata in questo frangente , perchè l'attonimento del tutto deve essere scosso, deve essere mosso dalla reazione, in questo mondo che diventa sempre più omofobo, fanatico, integralista..
    Non lo capisco più, spero di essere solo stanca, perchè la non reazione non è nel mio carattere...
    Sono con te amorevole amica mia!

    RispondiElimina
  6. Concordo con te, la libertà troppo spesso è data per scontata. E inoltre tutti la teorizzano, ma non è radicata in tutti.
    Francamente non credo che nessun Dio dia il diritto alla sua creatura di uccidere un'altra creatura, solamente ci sono troppi fanatici.
    Comunque sono contenta che tu sia tornata a scrivere :)

    RispondiElimina
  7. flessioni di sfogo is the way

    RispondiElimina
  8. C'è un premio per te sul mio blog!!
    Passa qui: http://cliccaquiela.blogspot.it/2015/04/premio-liebster-award-d.html#comment-form
    Buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo subito, e scusa per il tremendo ritardo
      Grazie mille di cuore :3

      Elimina

Adoro i commenti, mi fanno sentire ascoltata ♥
Vi ringrazio davvero, ricambierò la visita nei vostri blog presto...
Peace and Love